Assicurazione R.C.A.

Assicurazione R.C.A.

Febbraio 27, 2019 0 Di admin

Quando siamo la causa di un incidente spesso dobbiamo pagare cifre astronomiche che pochi si potrebbero permettere.
Perciò esiste un assicurazione l’ R.C.A. che paga al posto nostro.

L’ assicurazione R.C.A. è obbligatoria e paga da un minimo di 800 000 euro. A seconda poi di quanto noi sborsiamo all’assicurazione (a quanto ammonta il premio) lei pagherà.

Come in ogni assicurazione si paga una certa cifra annua e l’assicurazione a seconda di questa cifra pagherà un rimborso massimo. Questi sono i massimali. Se noi paghiamo per esempio mille euro all’anno ed investiamo qualcuno o qualcosa e il giudice stabilisce che dobbiamo pagare 1 000 000 di euro l’assicurazione pagherà solo fino a 800 000 euro perché quello è il massimale. Oltre devi pagare tu. Ovviamente se paghi più di mille euro hai diritto ad una copertura assicurativa maggiore.

Quando poi noi causiamo un incidente rientriamo nella formula “bonus malus” e da allora dobbiamo sborsare all’assicurazione una cifra maggiore: è come se l’assicurazione facesse una lista dei cattivi e che li faccia pagare di più.

Quindi simuliamo un incidente per rendere più chiaro tutto:

Marco si vuole assicurare. Gli viene detto che se vuole un massimale di 800 000 Euro dovrà pagare 1000 euro all’anno (il suo premio è di 1000 euro all’anno). Se ne vuole uno da 1 000 000 di euro dovrà sborsarne 1200…. Sotto gli 800 000 però non può scendere per legge. Marco allora si assicura per un massimale di 800 000 euro.

Un giorno Marco investe un palo della luce e lo distrugge, è colpa sua ed il giudice stabilisce che Marco dovrà pagare al comune 60 000 euro. Nessun problema paga l’ Assicurazione. Da quel momento in poi però Marco rientra nella clausola “bonus malus” e quindi se vuole avere un massimale di 800 000 euro dovrà pagare all’Assicurazione ogni anno 1200 euro.

A questo punto però Marco investe un’altra persona. Con lui in macchina c’era la sua fidanzata che si è rotta un braccio. Il giudice stabilisce che Marco dovrà dare all’investito 500 000 euro e 500 000 euro alla sua fidanzata. Il massimale della sua polizza però paga fino a 800 000. I restanti 200 000 Marco se li dovrà pagare di tasca sua.

Adesso vediamo alcune cose che possono dare fastidio:

  • l’ assicurazione R.C.A. copre sia la responsabilità civile gravante sul proprietario che sul conducente del veicolo
  • copre anche la responsabilità per sinistri (incidenti) occorsi nei paesi CEE (paesi europei); se facciamo un incidente in Francia l’ assicurazione paga.
  • copre anche i danni ai trasportati; la fidanzata nell’esempio di prima
  • non copre il danno a terzi, il furto e l’incendio; ce ne vuole un altro tipo
  • non copre i danni provocati al proprio veicolo; se noi ci schiantiamo contro un palo l’ assicurazione non ci ripaga la nostra macchina che abbiamo distrutto
  • copre il risarcimento dei danni provocati dal proprio veicolo sempre anche se lo guida un altro
  • i massimali non possono essere diminuiti al di sotto del minimo fissato per legge; il massimale minimo è 800 000 sotto non puoi scendere
  • il contratto con la formula “bonus malus” comporta delle classi di assegnazione che possono variare di anno in anno; divide in due classi: “buoni”, e “cattivi”
  • il contratto con la formula “bonus malus” non viene annullato in caso di incidente con danni alle persone; anzi comincia proprio in quel momento
  • il “bonus malus” non viene imposto dal giudice in caso di più incidenti; non è il giudice che decide ma l’assicurazione
  • l’ assicurazione R.C.A. deve rilasciare al contraente (a noi assicurati): la polizza di assicurazione, un attestato annuo relativo allo stato di rischio, il certificato di assicurazione da esibire a richiesta, un contrassegno da esporre sugli autoveicoli (bollo)
  • non deve rilasciare: un manuale sulle cautele da osservare per evitare incidenti, un estratto del Codice Civile, un libretto sui precetti di pronto soccorso